domenica 26 Settembre 2021
spot_img
HomeMobilitàLa perseveranza premia, finalmente gli attraversamenti pedonali rialzati

La perseveranza premia, finalmente gli attraversamenti pedonali rialzati

La seguente lettera aperta è stata inviata al sindaco del Comune di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna e all’assessore alla mobilità Fausto Turbanti:

Grosseto, 20 febbraio 2021

La perseveranza premia: finalmente gli attraversamenti pedonali rialzati

Nei giorni scorsi il Tirreno, svolgendo un importante servizio di raccolta delle proposte dei cittadini, ha dato notizia della prossima realizzazione di interventi per la sicurezza stradale a Braccagni, Roselle, Stiacciole e Rispescia. Tra questi spiccano la realizzazione di attraversamenti pedonali rialzati e la riduzione dei limiti di velocità.

Finalmente una concreta risposta alle richieste che da anni i cittadini rivolgono agli amministratori attraverso lettere, petizioni e in occasione degli incontri pubblici di quattro anni fa a Braccagni (1 e 2),  a Roselle, Istia e Rispescia. GROSSETO AL CENTRO, presente ogni volta, ha potuto raccogliere le segnalazioni dei cittadini attraverso dei report divulgati grazie ai mezzi di informazione e portati all’attenzione dell’assessore e del funzionario in occasione di due incontri presso l’ufficio mobilità (1 e 2) e durante ulteriori eventi pubblici (3).

GROSSETO AL CENTRO, che da anni si impegna per la sicurezza dei cittadini chiedendo riduzione dei limiti, attraversamenti rialzati, isole pedonali salvagente e barriere parapedonali (come con le 1200 firme che hanno portato agli interventi su via Giusti e via della Pace e alle 500 firme concretizzate con gli interventi in via Senese), accoglie con entusiasmo la scelta dell’amministrazione comunale di installare gli attraversamenti pedonali rialzati. Finalmente essa pone una pietra sopra alla bufala secondo cui “gli attraversamenti rialzati non si possono fare a causa del transito dei mezzi di soccorso”, narrazione non vera che da tempo avevamo sottolineato, direttiva ministeriale alla mano, all’assessore e al funzionario.

Molte ancora le situazioni di pericolo che devono essere affrontate. A titolo di esempio citiamo gli attraversamenti pedonali nelle località Il Cristo e Casotto Pescatori e su via Senese Nord e Sud a Batignano, le alte velocità in via Scansanese nell’abitato di San Martino, l’attraversamento della pista ciclabile sulla provinciale del Poggiale (utilizzare barriere jersey), ma anche in città, come via Einaudi a Gorarella, via Fabio Massimo e via del Tiro a Segno, via Manetti in centro, via Canada nel tratto del multisala, solo per citare alcuni dei tanti punti critici segnalati dai cittadini e riportati nei documenti che Gac ha da tempo affidato all’ufficio mobilità.

Il pericolo per l’incolumità dei grossetani non guarda alle scadenze elettorali. Per intervenire non si può attendere un altro lasso di tempo come quello trascorso tra il 2016 e il 2021. Per questo GROSSETO AL CENTRO chiede all’amministrazione comunale che vengano subito elaborati i Piani particolareggiati ed esecutivi del traffico per agire rapidamente sugli altri punti critici che i grossetani segnalano da anni.

 

RELATED ARTICLES

Most Popular