giovedì 29 Febbraio 2024
spot_img
HomeAmbienteFosso Beveraggio e aree di balneazione di Marina di Grosseto, iniziative contro...

Fosso Beveraggio e aree di balneazione di Marina di Grosseto, iniziative contro l’inquinamento delle acque

La seguente lettera aperta è stata inviata al sindaco del Comune di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, all’assessora all’ambiente Erika Vanelli, al presidente della IV commissione consiliare “ambiente” Alfiero Pieraccini e a tutti i consiglieri comunali di Grosseto:

Grosseto, 2 agosto 2023

Richiesta attuazione di iniziative finalizzate all’eliminazione dei pericoli per la salute pubblica e del rischio igienico-sanitario connessi all’inquinamento del Fosso Beveraggio, Fosso Barbanella, Emissario di San Rocco e delle aree di balneazione di Marina di Grosseto

Associazione Italia Nostra onlus – sezione Maremma Toscana, Associazione WWF provincia di Grosseto odv, Associazione Forum Ambientalista – coordinamento regionale Toscana, Comitato Grosseto Aria Pulita e Associazione Grosseto al centro,

premesso che fin quando non verrà risolto il problema degli scarichi provenienti dalle condutture comunali delle acque miste (nere e piovane) nel Fosso Beveraggio permarranno tutte le condizioni di carattere igienico-sanitario che hanno portato il sindaco del Comune di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, a emettere l’ordinanza n. 50 del 24 maggio 2022 al fine di individuare ed eliminare gli scarichi abusivi di acque nere provenienti dalle abitazioni del quartiere Verde Maremma;

dato che ad oggi si conoscono scientificamente soltanto la notevole concentrazione di inquinanti misurata da Arpat nel 2022 all’inizio del percorso scoperto del Fosso Beveraggio, in prossimità del quartiere Le Gemme, e le concentrazioni di inquinanti misurate da Arpat nel corso degli anni nelle zone di balneazione a seguito di fenomeni piovosi intensi, che hanno portato all’emissione di ordinanze di divieto di balneazione;

considerato che nel corso degli ultimi due anni sono stati registrati almeno una ventina di episodi di piena del Fosso Beveraggio, frequenza degli eventi confermata pubblicamente nella IV commissione consiliare ambiente dello scorso 25 luglio dal presidente di Acquedotto del Fiora Spa, Roberto Renai, che, secondo quanto riportato dalla stampa, avrebbe parlato di otto sversamenti negli ultimi quattro mesi di acque miste (nere e piovane) della bocca a stramazzo di via Cavalcanti-via Uranio nel Fosso Beveraggio;

considerato che tale numero di episodi esclude l’eccezionalità della condizione contenuta nella relativa autorizzazione regionale rilasciata ad Acquedotto del Fiora Spa, poiché in ingegneria idraulica per fenomeni eccezionali, rispetto a quelli ordinari, si intendono quegli episodi che statisticamente hanno un tempo di ritorno di 10, 20, 50 anni);

poiché il sindaco è autorità sanitaria locale;

al fine di eliminare i pericoli per la salute pubblica ed il rischio igienico-sanitario, come più volte richiesto dall’Asl locale, dovuti alle condizioni di inquinamento del Fosso Beveraggio;

al fine di individuare le eventuali ulteriori fonti di inquinamento ed eliminare i medesimi pericoli e rischi lungo tutto il percorso dell’acqua, attraverso il Fosso Beveraggio, il Fosso Barbanella e l’Emissario di San Rocco, fino alle aree di balneazione di Marina di Grosseto comprese;

chiedono al sindaco del Comune di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, che:

1 – contesti la validità dell’autorizzazione regionale riguardante la bocca a stramazzo di via Cavalcanti-via Uranio che immette acque miste (nere e piovane) nel Fosso Beveraggio, la cui condizione di eccezionalità contenuta nell’autorizzazione non è più rispettata;

2 – chieda ad Acquedotto del Fiora Spa di comunicare tempestivamente al Comune ogni futuro episodio di stramazzo di tale bocca autorizzata;

3 – chieda ad Arpat o ad altro soggetto abilitato, di attivarsi contestualmente ad ogni futuro episodio di piena, che il Comune dovrà preventivamente comunicargli, per monitorare tempestivamente le concentrazioni di batteri Escherichia coli ed Enterococchi intestinali, le velocità e le portate dell’acqua nel Fosso Beveraggio, nel Fosso Barbanella e nell’Emissario di San Rocco in tutto il loro percorso dell’acqua fino al mare, incluse le relative aree di balneazione;

4 – commissioni a dei soggetti competenti uno studio finalizzato ad individuare la soluzione tecnica economicamente più vantaggiosa per eliminare l’inquinamento del Fosso Beveraggio;

chiedono inoltre al presidente della IV commissione consiliare ambiente, Alfiero Pieraccini, la convocazione di una adunanza aperta alla partecipazione delle scriventi associazioni al tavolo della commissione sui temi sopra esposti.

Di seguito è possibile prendere visione dei video di alcuni dei numerosi episodi di piena del Fosso Beveraggio sopra citati:

piena del 15 ottobre 2020

piena del 26 novembre 2021

piena del 6 maggio 2022

piena del 30 settembre 2022

piena del 15 novembre 2022

piena del 17 gennaio 2023

In fede,

Anna Bardelli
Associazione Italia Nostra onlus – sezione Maremma Toscana

Luca Passalacqua
Associazione WWF Provincia di Grosseto odv – provincia di Grosseto

Roberto Barocci
Associazione Forum Ambientalista – coordinamento regionale Toscana

Matteo Della Negra
Comitato Grosseto Aria Pulita

Paolo Pisanelli
Associazione Grosseto al centro

 

RELATED ARTICLES

Most Popular