domenica 21 Luglio 2024
spot_img
HomeDisabilitàParcheggi dell’ospedale e dei centri commerciali, Grosseto al centro: non è vero...

Parcheggi dell’ospedale e dei centri commerciali, Grosseto al centro: non è vero che la Polizia Municipale non possa intervenire. Video

Guarda il video:

Parcheggi dell’ospedale e dei centri commerciali, Grosseto al centro: non è vero che la Polizia Municipale non possa intervenire

Più volte la stampa ha riportato le segnalazioni di tanti cittadini che lamentano l’occupazione degli stalli riservati alle persone con disabilità, da incivili non eventi diritto, nelle aree di sosta dell’ospedale Misericordia di Grosseto. Da anni l’Asl annuncia provvedimenti, comunicando che non è però possibile attivare interventi da parte della Polizia Municipale. Anche il Comune, alle persone che chiedono interventi dei vigili urbani, risponde che l’area non è di propria competenza perché privata.

Non è vero che la Polizia Municipale non possa intervenire! Sfatiamo una volta per tutte questa “bufala”.

Tutti i parcheggi come quelli dell’ospedale Misericordia o, ad esempio, dei centri commerciali Maremà e Aurelia Antica, che non sono chiusi da sbarre o cancelli, sono sì aree private ma anche ad uso pubblico: vi possono circolare indistintamente i veicoli e rispondono in tutto e per tutto alle regole del Codice della Strada, anche per la sosta.

Per essi la legge considera preminente l’uso pubblico rispetto alla proprietà dell’area. L’articolo 2 del Codice della Strada, infatti, recita: “Ai fini dell’applicazione delle norme del presente codice, si definisce “strada”, l’area ad uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali”.

Per questo gli agenti della Polizia Municipale, di propria iniziativa o su segnalazione dei cittadini, possono (e devono) effettuare controlli ed elevare le dovute sanzioni, oltre a prendere provvedimenti come la rimozione del veicolo qualora sosti sugli stalli riservati a persone con disabilità. Se ciò non avviene è per scelta del Comune.

Questo aspetto è chiarito anche da autorevoli sentenze della Corte di Cassazione:

  • “Le norme sulla disciplina della circolazione stradale devono trovare piena applicazione anche su strada o spiazzo privato frequentati da un numero indistinto e più o meno rilevante di persone, concretandosi in tal caso una situazione di fatto del tutto corrispondente all’uso pubblico che diventa preminente rispetto alla natura privata dello spiazzo”: Cassazione Penale, IV sezione, sentenza n. 7.671 del 29 settembre 1983.
  • Con la sentenza n. 646 del 16 gennaio 1979, i giudici della Suprema Corte hanno affermato che: “L’applicabilità delle norme sulla circolazione stradale sussiste sia che questa si svolga su area pubblica sia che si svolga su area privata”.
  • Anche l’articolo 3 del Decreto del Ministero dello sviluppo economico, emanato in attuazione dell’articolo 122 del D.Lgs n. 209/2005, precisa che tutte le aree di proprietà pubblica o privata, aperte alla circolazione del pubblico, sono da considerarsi equiparate alle strade ad uso pubblico.

La legge non ammette ignoranza; si smetta di rispondere ai cittadini che non è competenza dei vigili urbani intervenire. Il Corpo di Polizia Municipale adempia alle proprie funzioni esercitando una vigilanza attenta e continua affinché siano rigorosamente osservate le norme, accertando e contestandone le violazioni, incluse quelle che riguardano la circolazione stradale (articoli 4 e 11 del suo Regolamento), che comprende anche la sosta in tutte le aree private ad uso pubblico come quelle dell’ospedale Misericordia e dei centri commerciali di Grosseto.

Matteo Della Negra
per l’associazione
GROSSETO AL CENTRO

 

Riguardo ai diritti delle persone con disabilità leggi anche:

6 novembre 2022Olimpiadi della partecipazione a Grosseto, ecco le 5 proposte. Firmiamo per migliorare Grosseto, insieme!

27 settembre 2021Marciapiedi pericolosi, Campomori, serve un serio piano di manutenzione e i PEBA coinvolgendo la Consulta per le disabilità

3 giugno 2021 – Un progetto comune per Grosseto, solidarietà e lavoro con Don Enzo Capitani e Lorella Ronconi

7 gennaio 2021Centro storico, tante strade da rifare ma si spende in quella che ne ha meno bisogno

29 agosto 2020Centro storico 1, una pavimentazione sicura per pedoni, disabili, anziani

26 luglio 2020Consulta per la salute, redigiamo insieme il regolamento provinciale

8 febbraio 2020Sanità, le proposte di Gac e il report su NUE 112 al Presidente Regione Toscana

3 aprile 2019Polizia Municipale, occasione persa per la 5ª commissione di coinvolgere i cittadini

20 febbraio 2019#Solounminuto, un’iniziativa che le istituzioni cittadine potrebbero valorizzare

10 gennaio 2019 – Un automobilista su 200 sanzionato in 2 anni, è questa la strada giusta?

5 dicembre 2018PUMS, ecco che cosa abbiamo chiesto per una mobilità sostenibile

30 luglio 2018PUMS e Mura, la partecipazione senza trasparenza è un’altra cosa…

10 dicembre 2017Barriere architettoniche: regolamento edilizio e PEBA, questi sconosciuti

27 settembre 2017 – Sulle porte a vetri del Comune non si prendano in giro i cittadini

31 agosto 2017 – Finché non sono a norma quelle porte devono rimanere aperte

30 agosto 2017 – Quella porta è fuori legge, convocate la Consulta Comunale per la Disabilità

 

RELATED ARTICLES

Most Popular